Ecco perché vi conviene rinunciare da subito ai buoni propositi per l’anno nuovo

Articolo di ESTHER INGLIS-ARKELL, pubblicato su io9 con il titolo Why you should quit your New Year’s resolutions right now

Ci aspetta un altro maledetto anno, amici miei.
Qualcuno di voi sarà tentato dall’idea di buttare giù qualche buon proposito. Non fatelo. Secondo il “paradosso della forza di volontà”, prefissarsi di fare una cosa indebolisce la vostra volontà di farla.

Uno studio ha svelato quello che sembra essere il “paradosso della forza di volontà“: l’atto stesso di pianificare una cosa rende meno probabile che tu la faccia.
Ibrahim Senay, dell’Università dell’Illinois, ha organizzato un esperimento i cui soggetti dovevano tentare di decifrare degli anagrammi: una prova di volontà non proprio insormontabile, ma che ha dato risultati interessanti. Come parte dell’esperimento, ad alcuni soggetti è stato detto che avrebbero dovuto risolvere gli anagrammi; ad altri invece è stato chiesto di pensare se volessero risolverli oppure no. Indovinate quale gruppo ha completato il maggior numero di anagrammi?

Il gruppo meno produttivo potrebbe essere stato spinto unicamente da un senso di ribellione: a nessuno piace che gli si dica cosa deve fare. Tuttavia questo risultato si accorda bene con un altro, emerso da una variante dell’esperimento in cui a uno dei due gruppi era stato richiesto – con la scusa di raccogliere dei campioni di calligrafia – di scrivere le parole “lo farò sicuramente”. All’altro gruppo era stato chiesto di scrivere “chissà se lo farò?”. Di nuovo il gruppo di soggetti del “chissà se lo farò?”, meno categorico, ha risolto più anagrammi rispetto al gruppo più assertivo.

Perciò forse, di fronte a questo nuovo anno, dovreste ripensare i vostri tradizionali buoni propositi. Non dite “Farò questo” o “farò quello”. Dite “Oh, delizioso mistero della vita! Ah, straripante miniera di possibilità! Passerò parte di quest’anno allenandomi per il triathlon? Farò il volontario alla mensa dei poveri, o forse imparerò il portoghese? Mi recherò nei territori dei gorilla di montagna per impararne le raffinate usanze e insegnar loro il linguaggio dei segni? Chi può dirlo? Il mondo è fatto per essere esplorato e fremo di gioia contemplando ciò che quest’anno può avere in serbo per me!”

Farsi prima una bevuta sarebbe d’aiuto.

[Fonte: Scientific American]

Un commento aggiuntivo di Anekanta – spoon denier:
Esther, credo proprio che tu ci abbia visto giusto: probabilmente il gruppo meno produttivo non si è ribellato coscientemente: è stato il loro subconscio a ribellarsi contro loro stessi. Se sei come la maggior parte delle persone, non solo non ti piace prendere ordini, ma anche il tuo subconscio non ama che gli venga detto cosa deve fare, anche se sei tu a dirglielo.
La lezione qui è che se davvero vuoi cambiare un’abitudine, la via più facile per farlo è utilizzare un metodo graduale, mettendo in pratica piccoli cambiamenti, uno alla volta. Quando il piccolo cambiamento è diventato un automatismo, si può fare un altro passetto e così via. La mente è come un volàno o un giroscopio: ha un suo slancio, e non può essere fermata di colpo e fatta girare all’istante nell’altro senso. Devi cambiare velocità e senso di rotazione un poco alla volta.

Autore: ESTHER INGLIS-ARKELL
Titolo originale: Why you should quit your New Year’s resolutions right now

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...